5 dritte e con l’aria condizionata addio torcicollo

0
536

Questa è un’estate davvero afosa!

Non prediligo l’utilizzo dei condizionatori, ma cercare ristoro al loro refrigerio è l’unica possibilità per resistere a queste temperature anche per me.

Con picchi oltre i 40 gradi, stare in ufficio senza svenire sembra un miracolo!

Bisogna però utilizzarli con qualche accorgimento, perché i malanni non mancano di certo per un cattivo utilizzo della loro aria.

 

 

 

 

 

 

Ti è mai capitato di notte che il tuo compagno o la tua compagna si siano addormentati beati mentre l’ aria del condizionatore scorreva con quel leggero soffio fresco? Bene, immagino che al risveglio, poi, i dolori non siano stati altrettanto piacevoli dopo un getto fresco non gestito con accortezza.

Come fare quindi ad evitare tanti disagi continuando ad usare l’aria condizionata? Ecco qualche piccola chicca…

1. Evitate di tenere acceso il condizionatore nelle ore più fresche della giornata: in questo modo il corpo si abitua al clima esterno limitando il rischio di congestioni, torcicollo e mal di testa.

2. Alternare caldo e freddo non aiuta il nostro metabolismo: il corpo necessita di un passaggio graduale da una temperatura all’altra, per cui indossare maglie scollate sotto un vento gelido per ore, per poi passare a 40° all’ombra è una scelta non consigliata. Qualche grado in meno rispetto all’esterno basta per rinfrescarsi e per avere un impatto tollerabile col clima che ci attende fuori!

3. Non disperdere il fresco che si crea lasciando  le finestre e le porte aperte. L’ aria fresca si disperde e sembra che il condizionatore non rinfreschi abbastanza. Il risultato sarà solo una bolletta esorbitante a fine mese e tanti soldi al fisioterapista senza esserci nemmeno rinfrescati.

4. Un ottimo metodo per diminuire il calore di un ambiente, senza raffreddare troppo è la funzione di deumidificatore. Grazie a questo accorgimento, anche le nostre ossa ce ne saranno grate e il dispendio di energia non sarà eccessivo.

5. Puntare l’aria condizionata dell’auto dritta sulla fronte a temperature troppo basse non va bene. A parte rischiare di svenire scendendo dall’auto per lo sbalzo di temperatura, bisognerà rimediare poi all’ emicrania che potrà durare per tutta l’estate.

Allora cari amici, queste dritte da seguire non sono poi così difficili. Provate a moderare l’utilizzo della nostra alleata estiva e vedrete che anche voi imparerete ad apprezzarne l’utilizzo.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here