Alimenti “pesanti”? Eccone 4 a cui non avevi pensato

0
595

Ci sono alimenti che apportano sicuramente benefici al nostro organismo, ma che se consumati in modo sprositato possono invece generare effetti indesiderati.

A volte avvertiamo quella fastidiosa infiammazione allo stomaco, senza aver consumato legumi nè eccessivi quantitativi di sale. Eppure, sentiamo quel gonfiore che si presenta senza alcuna causa apparente e noi ci chiediamo se la nostra dieta sia davvero sana come pensiamo.

La verità è che diversi alimenti che si considerano alleati della digestione possono provocare anche questa sensazione di gonfiore. Non dobbiamo di certo eliminarli dalla nostra dieta, ma semplicemente ridurre il loro consumo.

Vediamo  insieme quali sono ☺️



I prodotti che assumiamo tutti i giorni e che possono farci sentire come palloncini, comprendono:

Il nostro amato caffè:

Per molti, il caffè non rappresenta una semplice consuetudine, ma un momento di profondo piacere. Per questo è difficile rinunciare all’amata tazzina quando la salute lo richiede.  Il caffè, infatti,  può provocare disturbi di stomaco per l’elevata acidità che lo caratterizza…di conseguenza anche il famoso gonfiore che cerchiamo di evitare. Non più dubbi, due tazzine al giorno, allora! Ok?! 😉

Le deliziose Chewing gum:

Quando mastichiamo le piacevoli gommine, si genera aria che viene ingerita in grandi quantità, finendo per viaggiare all’interno dell’ intestino e rendendolo più gonfio. Contenendo inoltre alcoli, un tipo di carboidrati che non sono semplici da digerire, il nostro chewing gum apporta altre quantità di zuccheri a cui non si pensa masticando una semplice e piccola gommina.

Le bollicine dell’acqua gassata:

Questa bevanda è apparentemente innocua: risulta pesante per il nostro stomaco come tutte le bevande zuccherate o frizzanti. I gas che creano le bollicine possono generare problemi al nostro stomaco, che può gonfiarsi all’istante!

 

Il disinfettante naturale, l’aglio:

L’aglio fa parte di un insieme di alimenti che vengono assorbiti dal corpo molto lentamente. Grazie alle sue proprietà, è utile per il sistema immunitario, respiratorio, circolatorio e contro raffreddore e influenza. Una volta giunto nell’intestino, però l’aglio ha bisogno di portare con sé grandi quantità di acqua per poter essere poi fermentato dai batteri. Questo processo fa accumulare gas a livello addominale, facendo di conseguenza gonfiare l’addome. Questa è stata davvero una sorpresa!

Esistono tanti altri alimenti che se non “dosati” possono avere effetti poco gradevoli come pesantezza e gonfiore…aiutateci a scoprire quali! Voi ne conoscete altri? 🤓