Pandori in saldo? Ecco come riutilizzarli

0
574

Nonostante la crisi, noi italiani amiamo la buona cucina ed amiamo coccolarci con ogni tipo di specialità culinaria, soprattutto durante le feste.

Quindi impazzano sui social foto di tavole imbandite con antipasti interminabili, primi  e secondi elaborati fino a terminare alla carrellata di dolci.

Anche a casa mia, come ogni anno, la scena si ripete: torroni, dolci tipici, panettoni e pandori, a volte ricevuti in dono per il Natale da amici e parenti.

Non che mi dispiaccia che il pandoro accompagni le mie colazioni mattutine, ma ho trovato un metodo per utilizzarlo in modo che non venga sprecato e, diciamoci la verità, è una prelibatezza ed è facilissimo da realizzare.

Ingredienti

Un pandoro da 750 gr

mascarpone 500 gr

3 uova

zucchero 130 gr

caffè per la bagna



Procedimento

Per prima cosa preparare il caffè e zuccherare secondo i gusti, separare i tuorli dagli albumi e montare questi ultimi a neve; successivamente unire ai tuorli il mascarpone ed amalgamare fino ad ottenere una crema omogenea. Infine unire albumi montati alla crema ottenuta e mischiare delicatamente con movimenti che vanno dal basso verso l’alto.

Prendiamo una ciotola che rivestiremo con pellicola trasparente ed iniziamo a riempirla con le fette di pandoro tagliate con uno spessore di circa 2 cm. Bagnamo il pandoro con il caffè ed aggiungiamo un po’ di crema al mascarpone, livelliamo bene e continuiamo a riempire con un altro strato di pandoro che sarà nuovamente bagnato con il caffè ed aggiungeremo la restante crema.

L’ultimo strato di pandoro non sarà bagnato con il caffè.

Ricopriamo per bene lo zuccotto con la pellicola e riponiamo in frigo per almeno 3 ore. Trascorso il tempo necessario, rovesciamo il tutto su un piatto da portata, ricopriamo lo zuccotto con la restante crema e spolveriamo con il cacao amaro.

Il risultato ottenuto è strepitoso sia esteticamente, farete un figurone con i vostri invitati, sia per il sapore che ora state solo immaginando. Cosa aspettate allora?! Correte a prepararlo!

Alla prossima ricetta 😉