Riequilibrare il metabolismo? Si può!

0
555

Quando si parla di alimentazione, lasciamo spazio a chi di alimenti e salute se ne intende davvero.

La parola dieta in greco significa stile di vita e non certo rinunce a tavola.

E allora, che strada seguire per raggiungere naturalmente il peso forma?

Il cibo può aiutarci a donare equilibrio al nostro organismo, oppure rompere lo stesso se non rispettiamo le esigenze naturali del corpo.

Debora Rasio, oncologa e nutrizionista dell’Università La Sapienza di Roma, nel suo libro La dieta non dieta (Mondadori), parla proprio della possibilità di gustare quello che più ci piace, senza rinunce, con l’unica accortezza di non esagerare con le quantità.

Non dobbiamo lottare con proibizioni e regimi ferrei, ma tornare a un rapporto naturale con gli alimenti.

Mangiare tranquillamente un po’ tutto è il segreto della nostra armonia a tavola e, di conseguenza, del nostro benessere fisico.

In questo modo si può raggiungere l’agognato peso forma che sembra quasi impossibile ottenere, mangiando addirittura il nostro gelato preferito!

«Il 95 per cento delle diete per dimagrire entro un paio d’anni fallisce e si riprendono i chili persi, spesso con gli interessi» spiega Rasio. «Questo perché iniziare una dieta non è un atto innocuo: il nostro organismo reagisce al “razionamento” del cibo come se fosse di fronte a un’ipotetica carestia e riduce il metabolismo per consumare meno. Una risposta saggia, che però non si modifica quando torniamo a mangiare normalmente: per questo si riacquistano i chili».

Tutti vorremmo una dieta miracolosa, in grado di farci perdere peso in maniera facile e definitiva, ma la realtà è che facciamo fatica a riuscirci.

Questo accade anche perché il grasso ha un correlato psicologico che io non conoscevo, come spiega Rasio: «Il grasso è un isolante e ci scherma da emozioni profonde, tant’è che in molti il peso si modifica proprio a seguito di eventi che li hanno messi alla prova. Il nostro conscio, che vuole dimagrire per aderire a modelli estetici del tutto fuorvianti come la taglia 36 dei manichini, è la punta di un iceberg: sotto c’è un inconscio che spesso rema contro e ciò spiega perché, per esempio, si tenda spesso ad accumulare più grasso di quanto sarebbe atteso considerando quel che si mangia. Sono i neuroni che mandano al tessuto adiposo il messaggio di immagazzinare grasso, indipendentemente dalla nostra volontà».

Non si può pensare di dimagrire con le proibizioni: la strada giusta, è tornare semplicemente ad un’alimentazione naturale.

I cibi processati e trasformati  sregolano il nostro metabolismo.

Mangiare alimenti naturali e non industriali è la via giusta per dimagrire, mantenendo il peso ideale e, soprattutto, un sano metabolismo.

“Si mangia per vivere, non si vive per mangiare”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here